App di contact tracing: quanto sono efficaci?

La scelta di affidarsi ad una applicazione di contact tracing per monitorare la diffusione dei contagi ha suscitato alcuni interrogativi. Quando un’app del genere è efficace? È sufficiente l’applicazione, o il sistema sanitario deve fornire un quadro generale in cui questa possa operare? Quante persone devono scaricare l’applicazione, e come dovranno utilizzarla, affinché vi siano risultati attendibili?

Andrea Rossetti, professore di Filosofia del Diritto e Informatica Giuridica presso l’Università di Milano-Bicocca, e Federico Cabitza, Professore di Sistemi Informativi e Interazione Uomo-Macchina presso la stessa università, hanno risposto a queste domande, sottolineando che un’app di questo tipo dovrebbe essere inserita in una strategia e in un processo di più ampio respiro così da poter realmente intervenire già dalle primissime fasi del contagio e contrastare l’epidemia.

Gli articoli sono stati pubblicati su Key4Biz.

Image credits: Foto di Brian McGowan su Unsplash

Privacy, salute e app di tracciamento: dove siamo?Seguire il filo dei contatti per uscire dal labirinto dell’emergenza sanitaria: la proposta di diAry – Digital Arianna

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi