Dati personali e libertà di ricerca scientifica

Photo by Bill Oxford on Unsplash

Sono state pubblicate le opinioni preliminari dell’European Data Protection Board (EDPB) sulla relazione tra protezione dei dati personali e ricerca scientifica.

Le normative europee di riferimento sono il GDPR e il Regolamento UE 1725/2018 che insieme accordano flessibilità per l’uso di dati anche personali ai fini di progetti di ricerca “genuini” operanti nel rispetto dell’etica e finalizzati ad aumentare il benessere e la conoscenza collettiva della società.

L’opinione del garante europeo intende gettare le prime luci sui dubbi interpretativi e applicativi che nascono dalla necessità di tutelare due diritti fondamentali, quella alla protezione dei dati personali e quello di libertà di ricerca scientifica.

Vendita dati sensibili da parte di dating appProtezione dati by design e by default
Mandaci un messaggio!

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio


Ho letto l'informativa privacy ed esprimo il mio consenso al trattamento dati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi