Dati personali e libertà di ricerca scientifica

Photo by Bill Oxford on Unsplash

Sono state pubblicate le opinioni preliminari dell’European Data Protection Board (EDPB) sulla relazione tra protezione dei dati personali e ricerca scientifica.

Le normative europee di riferimento sono il GDPR e il Regolamento UE 1725/2018 che insieme accordano flessibilità per l’uso di dati anche personali ai fini di progetti di ricerca “genuini” operanti nel rispetto dell’etica e finalizzati ad aumentare il benessere e la conoscenza collettiva della società.

L’opinione del garante europeo intende gettare le prime luci sui dubbi interpretativi e applicativi che nascono dalla necessità di tutelare due diritti fondamentali, quella alla protezione dei dati personali e quello di libertà di ricerca scientifica.

Vendita dati sensibili da parte di dating appProtezione dati by design e by default

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi