California dream, ovvero della privacy del consumatore

Il California Consumer Privacy Act (CCPA) è in vigore dal 1° gennaio 2020 e riconosce ai consumatori californiani diritti in materia di accesso, cancellazione e condivisione delle proprie informazioni personali raccolte dalle aziende.

Non tutte le aziende però sono soggette alla nuova normativa, ma solo quelle con un fatturato annuo lordo eccedente i $ 25 milioni, o che trattano informazioni personali di 50mila o più consumatori, o che derivano almeno il 50% dei propri ricavi dalla vendita di dati personali.

Un primo passo per ristabilire l’equilibrio in un mercato, quale è ormai quello dei dati, in cui i colossi tecnologici hanno finora fatto il bello e il cattivo tempo?

De-indicizzati!Riflettori puntati sulla gestione dei cookies

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi