Vendita dati sensibili da parte di dating app

Photo by Gilles Lambert on Unsplash

Il Norwegian Consumer Council ha recentemente accusato due note app di incontri di diffondere a terze parti dati personali dei propri utenti.

In un caso, tale diffusione riguarderebbe anche l’orientamento sessuale dei propri iscritti, una categoria di dati personali che l’art. 9 del GDPR ricomprende tra quelle speciali e che richiedono particolari cautele per essere trattate (tra cui, il consenso esplicito al trattamento di tali dati personali per una o più finalità specifiche). 

L’associazione dei consumatori norvegese denuncia la possibilità che i consumatori-utenti, esposti alla diffusione illegittima dei propri dati personali più delicati, possano essere oggetto di discriminazioni o manipolazioni. Per quanto il GDPR abbia portato l’attenzione su pratiche che, seppur diffuse e spesso tollerate, ledono i diritti delle persone, la strada da fare è ancora lunga.

Riflettori puntati sulla gestione dei cookiesDati personali e libertà di ricerca scientifica

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi